Conversazione con Markus Gufler - Tecnologia Blockchain

Everyone
16.09.2021

Markus Gulfer è un imprenditore IT e un appassionato di digitalizzazione e blockchain. Ha raccolto migliaia di esperienze con le nuove tecnologie internet e ne ha sviluppate una o due. È entrato in contatto con il tema della blockchain anni fa. 
In occasione del prossimo evento Trends, Tech & Tapas, MIND ha parlato con Markus Gufler.

Più info

Ci spieghi in poche e semplici parole cos'è e come funziona la Blockchain?

Con il termine Blockchain non si indicano solo operazioni di investimento e speculazione con valute virtuali, ma un'area di applicazione di nuovi e moderni metodi crittografici attualmente oggetto di ricerca e sviluppo in continua espansione.

Per spiegarla in modo meno astratto, il mondo dei computer si è evoluto passando da dispositivi stand-alone a una grande rete attraverso la quale vengono scambiati dati. Questi dati sono via via sempre più massivamente memorizzati in banche dati centrali. I grandi player globali si sono appropriati di questi dati e ne hanno fatto il loro modello di business di base. Chi anche solo possiede e gestisce i dati ha un grande potere, controllo e anche valore. Infatti, se questo da un lato ha permesso molte nuove applicazioni, ha allo stesso tempo portato a una sempre maggiore dipendenza e a un crescente senso di perdita di controllo da parte dell'utente/cittadino.

La Blockchain mira ad accettare, rispettare e connettere ogni utente all’interno di una rete globale senza necessità di un permesso speciale in modo che ognuno possa interagire liberamente, con fiducia e sicurezza, con la società attraverso la sua identità digitale crittograficamente protetta, la sua reputazione, il suo conto corrente, le  sue proprietà, le sue carte e i suoi investimenti.

 

Come sei stato coinvolto nella Blockchain?

La prima volta che ci ho avuto a che fare è stato intorno al 2002. Dall'inizio del millennio nella mia azienda supportiamo i clienti con servizi internet tra cui anche le e-mail. All’epoca avevo iniziato a sviluppare filtri antispam. Un certo Adam Back - oggi CEO di Blockstream e spesso citato come candidato per essere il vero Satoshi Nakamoto - ha suggerito allora che il server di posta ricevente dia prima un compito di calcolo a quello di invio. Il messaggio viene accettato solo insieme alla soluzione calcolata. L'obiettivo era quello di rallentare sensibilmente i mittenti di campagne di spam. A quel tempo, però, i processori multi-core non erano ancora in uso, quindi gli amministratori di sistema non erano molto entusiasti di questa nuova tecnologia "proof-of-work" perché questa rallentava inutilmente e significativamente tutti i server. Questo è stato anche il motivo per cui non ho più prestato molta attenzione a Bitcoin dal 2009 quando è stato creato.

La volta successiva è stato nel 2016/2017, quando il settore della blockchain, in costante crescita, aveva portato a un costante aumento del consumo di energia dovuto proprio a questa tecnologia proof-of-work. Un'assurdità assoluta in tempi in cui la crisi climatica e l'efficienza energetica avrebbero dovuto essere già da tempo una questione urgente. Così ho cercato alternative migliori e ho trovato l'approccio proof-of-stake, che da allora ho seguito molto da vicino.

Ethereum, attualmente la seconda più grande blockchain, vuole passare in futuro da Proof-of-Work a -Stake. Cardano, il terzo progetto blockchain più grande, ha ormai scelto l’approccio proof-of-stake dimostrando come una rete decentralizzata basata sulla tecnologia blockchain possa essere gestita in modo ecologico e sicuro. Si fa funzionare uno dei nodi con un mini-computer, con un consumo energetico di 5 watt e un raffreddamento passivo ad aria.

 

Come sei stato coinvolto nella Blockchain?

Senza blockchain e crittografia, non credo che ci possa essere un vero passo evolutivo verso una reale digitalizzazione.

Ciò che abbiamo sperimentato finora come digitalizzazione era un modulo cartaceo sullo schermo oppure l'implementazione di processi relativamente semplici, come lo shopping nei negozi online. Solo con nuovi approcci crittografici, standardizzati e disponibili indipendentemente dalle piattaforme globali chiuse, i processi digitali possono essere del tutto ripensati e riprogettati.

Oggi siamo abituati a vedere costantemente dichiarazioni sulla privacy e banner dei cookie che in realtà hanno poco senso, non offrono praticamente nessuna visione d'insieme e certamente non permettono un controllo effettivo dei propri dati. Sono pura burocrazia. Se improvvisamente aveste bisogno di un supporto digitale efficiente - ad esempio in una pandemia - per eseguire test e certificati di vaccinazione in modo efficiente, sicuro e conforme alla privacy, allora vi rendereste conto che qui manca qualcosa. Basta pensare a quante volte ognuno di noi ha compilato a mano gli stessi moduli con gli stessi dati personali negli ultimi mesi per ottenere un test Covid. Povero personale, che sistema inefficiente!

La Blockchain vuole offrire una soluzione qui, senza renderla controllata e imposta in modo totalitario come in Cina, ma anche senza lasciare questo potere e questa possibilità unicamente nelle mani ai grandi player informatici globali. Non si dovrebbe mai divulgare a terzi più dati personali del necessario. E se lo si fa, questo dovrebbe essere veloce, facile, preciso e sicuro. I campi scritti a mano per gli indirizzi e-mail e le continue autodichiarazioni che vengono sporadicamente controllate a campione sono l'esatto contrario di tutto ciò.

Le Zero-Knowledge-Proofs sono un approccio interessante in questo campo. Come si fa a provare qualcosa senza doverlo dimostrare di persona? Oggi, per poter utilizzare con una carta d credito per qualsiasi pagamento ci viene sempre chiesto di dimostrare di essere titolati a farlo. Alla reception di ogni hotel, viene fatta una copia della carta d'identità con tutti i dati che contiene.

Le Zero-Knowledge-Proofs possono essere pensate come una grotta a forma di U, con un'entrata e un'uscita e un cancello chiuso nel mezzo. Posso provare a qualcuno che sono il proprietario della chiave entrando da una parte e uscendo dall'altra, senza però mostrare quale chiave ho usato per aprire il cancello.

 

Come viene percepito nella nostra società l'interesse per una nuova tecnologia?

In modo molto differenziato e anche controverso. Dal momento che si tratta di un argomento digitale e complesso, gran parte della popolazione non riesce a farsene un’idea molto chiara. È quindi ovvio che molti vadano dall’essere neutrali all’essere scettici. Tra coloro che se ne sono occupati, ci sono sostenitori e oppositori di ogni grado: molti lo considerano più o meno utile, altri sono dei veri e propri nemici, sostenendo ci siano  aspettative troppo alte o perché hanno posizioni conservatrici che li portano a negare assolutamente che possa avere effettivi campi di applicazione.

 

Qual è stato il fattore scatenante del boom delle criptovalute?

Le criptovalute sono diventate (purtroppo) un terreno di gioco ampio per gli speculatori. L'approccio effettivo di fare meglio dei cosiddetti "banksters" è stato quindi molto offuscato. Purtroppo, come sempre accade,  appena qualcuno vede un'opportunità di fare un grande profitto, la coglie. L'etica e persino il buon senso vengono così rapidamente ignorati. Spesso in questo settore ancora largamente non regolamentato, questo finisce con perdite considerevoli.

D'altra parte, bisogna anche dire che le reazioni e le risposte del sistema monetario esistente alle crisi del 2008 e del 2020 sono state tutt'altro che esaltanti e ispiratrici di fiducia. Negli ultimi due anni le banche centrali europee, e ancora di più quelle statunitensi, hanno stampato enormi quantità di denaro per salvare ancora per qualche tempo il loro sistema da un collasso colossale.

Dall’inizio della crisi legata al Corona virus, i soli Stati Uniti hanno aumentato lo stock di dollari del 25% passandoda 15 a 20 trilioni (in circolazione 2 milioni). Questo sta causando un'inflazione significativa e la demonetizzazione. Considerando che molte nazioni sono legate al dollaro USA come valuta di riserva, questo equivale a un incredibile spostamento dei valori monetari. In linea di principio, si tratta di una colossale "rapina senza ricorso alle armi" che ha portato, tra l'altro, El Salvador, e presto probabilmente altri paesi, ad abbandonare questo legame esclusivo con il dollaro USA e ad accettare anche Bitcoin come moneta. La maggior parte delle criptovalute sono assolutamente limitate nella quantità.

Tutto questo non passa inosservato ai risparmiatori e, dal 2020, anche ai grandi investitori istituzionali che sempre più stanno quindi cercando l'opportunità di diversificare e garantire il proprio patrimonio attraverso le criptovalute. Quindi non si tratta solo di speculazioni "per arricchirsi velocemente", ma, sempre più spesso anche di cercare di proteggersi.

 

Pensi che l'euro o il dollaro saranno sostenuti da Bitcoin ad un certo punto?

L'euro e il dollaro, e i governi stanno dietro di essi, faranno davvero tutto il possibile per mantenere l'influenza e il controllo sul loro sistema. Si tratta anche della sostanza per l'esercizio del potere normativo, legislativo ed esecutivo. E chiunque capisca quale privilegio incredibilmente esclusivo e prezioso sia stato vivere nella zona euro/dollaro negli ultimi 70 anni dovrà ammettere che ha i suoi vantaggi.

Tuttavia, negli ultimi anni, abbiamo visto che questo vivere a credito, con promesse (elettorali) effettivamente irrealistiche della politica e il corrispondente comportamento sempre più esigente dell'elettorato, ha portato a una situazione che quasi certamente non è più sostenibile. Il sistema sta gemendo e soffrendo sotto l'inerzia che si è creata in questa comoda situazione di prosperità, e alcuni cambiamenti abbastanza fondamentali, come del resto ci sono sempre stati nella storia, sono effettivamente attesi da tempo.

Guardando a tutto quello che la nostra generazione ha già sperimentato in termini di sconvolgimento solo negli ultimi 50 anni (internet, medicina, viaggi spaziali, forme di società, ecc...), è quindi ragionevole supporre che molte cose che oggi neppure immaginiamo diventeranno invece realtà  nei prossimi decenni.

Tuttavia, penso che sia importante che questi sistemi classici e nuovi lavorino insieme, non uno contro l’altro. Questo significa accettarsi e rispettarsi a vicenda piuttosto che negarsi reciprocamente la legittimità. Per esempio, ci dovrebbe essere una cooperazione normativa per rendere le attività illegali rilevabili con metodi forensi. Allo stesso tempo, non dovrebbe esistere uno stato civile i cui euro e identità digitali siano in assoluto l'unico modo per essere autorizzati a muoversi o a fare qualsiasi azione legata alla vita di tutti i giorni.

Naturalmente, tutto questo deve essere fatto con il necessario rispetto delle risorse naturali. Dopo decenni di sfruttamento insostenibile delle risorse, dell’accumulo di gigantesche montagne di debiti e con il problema di un sistema pensionistico praticamente impossibile da mantenere, la blockchain, come nuova tecnologia dirompente, deve essere in grado di proporsi come una soluzione invece che diventare un nuovo problema, e mi riferisco in particolare  agli incredibili requisiti energetici dei progetti proof-of-work, ma anche ad alcune regole di base e ormai collaudate che impediscano l'abuso e l'eccesso di potere.

 

Come la blockchain cambierà la nostra vita in futuro?

Idealmente - cioè se verrà riconosciuta e abbracciata come un'opportunità dal pubblico, dai governi e dai cittadini - permetterà forme di società e processi che oggi non sono ancora praticamente fattibili. Restituirebbe alla gente la fiducia, permettendole di agire di nuovo con molta più sovranità. Questo aumenterebbe anche la fiducia in se stessi e la motivazione. Si spera così che la tendenza, sempre più evidente, a scivolare nella famigerata passività possa essere invertita. Questo è un aspetto importante in tempi in cui - a causa della mancanza di opzioni autonome - la gente punta sempre più il dito sugli errori degli altri. Penso che la blockchain non sia l’unico, ma sicuramente  uno dei mezzi per portare la nostra società globale un importante passo evolutivo. Sono possibili nuove forme di cooperazione, di governance aziendale e di partecipazione.

 

Perché persistiamo ancora in vecchi schemi a basso rischio?

La maggior parte delle persone ama la zona di comfort sicuro. Lì, uno ha già abbastanza problemi e distrazioni quotidiane di cui preoccuparsi.

Tuttavia, c'è sempre qualche pazzo che cerca nuovi modi e possibilità: ruota, scrittura, matematica, elettricità, vaccini, macchine a vapore, aerei, elettromobilità, blockchain... hanno sempre dovuto fare i conti con uno scetticismo inizialmente diffuso prima che la luce si accendesse. E credo che non siano gli anni di esperienza ma il giovane spirito innovativo e rivoluzionario che porta a questi passi innovativi. Il rifiuto di solito viene dai contemporanei di lunga data che sono già chiaramente caduti nel conservatorismo. Per questo motivo, le innovazioni che hanno bisogno di consenso sociale richiedono anche generazioni e non solo qualche anno per maturare.

 

Le banche saranno sostituite dalla tecnologia blockchain?

Penso che le banche continueranno ad esistere, ma il loro campo di attività cambierà significativamente. Questo è già evidente e visibile da qualche anno. Il numero di sportelli bancari è in calo da anni grazie all'online banking che fa risparmiare tempo e costi.

Trasferimenti, prestiti, prodotti finanziari tradizionali e nuovi prodotti di base possono essere gestiti con, ma anche senza, l'aiuto di un fornitore di servizi professionale. Come in quasi tutti gli ambiti della vita, posso fare qualcosa da solo o assumere un professionista e pagarlo per farlo per me.

A questo proposito, posso ben immaginare che molti cittadini vorranno quindi consegnare i propri certificati e le proprie chiavi a un custode professionale affinché li custodisca. Praticamente quello che fanno già oggi con il loro conto in banca.

La banca potrà così diventare un fornitore di servizi affidabile e familiare per trattare prodotti finanziari o, in futuro, processi digitalizzati di ogni tipo. La consulenza, ma anche l'implementazione professionale dei contratti intelligenti - una forma digitale di contratti chiaramente definiti ed eseguiti automaticamente -, potranno diventare parte dell’offerta di servizi di una banca. Lo stesso vale per i notai e i consulenti aziendali, senza che nessuno di loro si trasformi in  Kodak o Nokia.

 

Markus Gufler (43)
Imprenditore IT
https://www.linkedin.com/in/markus-gufler-2698899b/

 

 

Markus Gufler terrà un discorso chiave nel nostro prossimo round di Trends, Tech & Tapas. 

Scopri di più sull'evento con l'argomento: 
Tecnologia Blockchain - cosa sta succedendo oltre l'hype delle criptovalute?

Per saperne di più

29.05.2019
Grande interesse per l'evento sul tema della digitalizzazione
Innovation Talk
29.05.2019
Grande successo per il primo Startup Talk meranese
Startup Talk
29.05.2019
Imprese ed errori di percorso: grande successo di pubblico per la serata informativa
Fuckup Stories
29.05.2019
Secondo Startup Talk al lido di Scena
Startup Talk
29.05.2019
Gli studenti diventano imprenditori
Concorso di idee "Merano da mangiare"
30.05.2019
Gli studenti presentano le idee di business del futuro
Entrepreneurship-Day
30.05.2019
L'incontro con i rappresentanti di Assoimprenditori
Incontro - assoimprenditori
30.05.2019
Il distretto dell'innovazione
Conferenza stampa MIND
30.05.2019
L'EDU-LAB previsto alla stazione di Maia Bassa
Progetto MIND
30.05.2019
Dall'idea al mercato globale
Innovation Talk
07.02.2019
Gli studenti meranesi diventano designer di prodotti alimentari
Workshops agli istituti FOS e Kaiserhof
30.05.2019
Laboratorio di robotica per i giovani meranesi
Robo Lab
05.06.2019
Trends, Tech & Tapas
Tech Talk
03.04.2019
Studenti premiati per le loro idee innovative nel settore alimentare
Concorso di idee "Merano da mangiare"
16.04.2019
Concorso di idee per la città, un successo pieno
Concorso idee Your City needs you
30.05.2019
L'Europa e Merano: serata informativa al KiMM
Presentazione di progetti UE
06.06.2019
Accordo fra Comuni e artigiani
Innovation
04.07.2019
Open Day im Startbase Coworking Lido Schenna
Community Event
01.08.2019
Evento di comprensorio sul tema “Innovazione e agevolazioni per l’innovazione” a Merano
Everyone
03.09.2019
Escape Room all'insegna delle esperienze del cliente
Entrepreneurs
10.09.2019
Startup-Talk #5 sul tema "funding for start-ups"
Start-Ups
08.10.2019
Le scuole meranesi investono nella forza innovativa dei giovani
Schools
10.10.2019
La nuova sede di Alperia sorgerà al centro del polo dell'innovazione MIND
Everyone
18.02.2020
Postproduzione video: imprenditori a confronto
Entrepreneurs
12.03.2020
Il Centro d'Innovazione aprirà i battenti nel 2021
Everyone
30.03.2020
Coronakrise: First Aid Kit für Startups
Startups
01.09.2020
Startup-Talk #5 sul tema "crescita con il social media marketing"
Start-Ups
20.10.2020
Una serata per testare prototipi innovativi
Everyone
17.11.2020
[CLOSED] Stiamo cercando il nostro nuovo Lab Manager
Everyone
18.03.2021
Trends, Tech & Tapas
Meetup online con Red Bull e imprenditori locali
10.04.2021
Meran.o City Challenge: folta partecipazione all'evento online
Zoom Online Event
20.04.2021
Eventi MIND per il mondo dell’istruzione: prosegue con entusiasmo l’attività in ambito innovazione e la tecnologia nell’anno scolastico 2020/2021
Schools
28.04.2021
Digital Growth Days: una serie di eventi online sul tema dell'e-commerce e del marketing
Online Event
03.06.2021
Inizio della costruzione del centro innovazione di Merano
Everyone
21.06.2021
Start-up Talk #7 - sul tema della Silicon Valley
Start-ups
04.08.2021
City Challenge: i vincitori donano il premio a due onlus
Everyone
27.08.2021
Product Testing Night: nuovi prodotti sotto esame
Everyone
31.08.2021
5 domande & risposte - in conversazione con Simon Sparber
Everyone
16.09.2021
Conversazione con Markus Gufler - Tecnologia Blockchain
Everyone
06.10.2021
Trends, Tech & Tapas #4 - la tecnologia blockchain
Everyone